Per quanto tempo dovrò vivere con il cancro alla prostata

Prostata massaggio linea di esposizione

Visitano il forum: Google [Bot] e 0 ospiti. Logout Logout Iscriviti. Passa al contenuto. Collegamenti Rapidi. Le presenti risposte sono una presa Per quanto tempo dovrò vivere con il cancro alla prostata posizione di carattere generale. Se dovessero sorgere domande o ambiguità, favorite rivolgervi alle consulenti specializzate della Linea cancro.

Numero gratuito 11 88 11 oppure e-mail helpline krebsliga. Dopo aver consultato un esperto di esequie funebri, posso fornirle la seguente risposta: per il trasporto della salma nella bara, i Suoi familiari dovrebbero pagare tra 7' e 10' franchi. Non posso dirle a quanto ammontino le spese.

Dalla Sua domanda, deduco che Lei desidera il rimpatrio della Sua salma integrale. È consentito dalle norme doganali, purché siano adottate alcune precauzioni. I costi, compresa la cremazione in Svizzera, ammontano a circa franchi. Non mi resta che salutarla cordialmente. Devo precisare che assumo anche il Trittico per dormire.

Alle Posso prendere il Letrozolo anche di sera? Le suggerisco di consultarsi dapprima con i Suoi oncologi curanti o con il medico di famiglia.

Probabilmente potrà prendere il Letrozolo alla sera. Forse potrebbe anche passare a un altro farmaco antiormonale. È abbastanza probabile che poi i sintomi migliorino. Inoltre, è utile avere strutture chiare e fasi di recupero prestabilite, distribuiti durante il Per quanto tempo dovrò vivere con il cancro alla prostata della giornata.

Se non Le piace fare sport da sola, potrebbe partecipare a uno specifico gruppo di sport per malati di cancro. Sul nostro sito Internet trova varie proposte sportive per malati di cancro. Durante la riabilitazione oncologica, Lei viene seguita da diversi specialisti. Le misure terapeutiche sono ben sincronizzate tra loro e proposte in modo coordinato. Sul nostro sito Internet trova anche le offerte di riabilitazione oncologica. Le auguriamo ogni bene dal profondo del cuore.

La Sua Lega contro il cancro. Ho interrotto la terapia antiormonale dopo 3 diversi rimedi a causa degli estremi effetti collaterali. Non mi sono mai sottoposta ad una MRT o a esami diagnostici simili e non Per quanto tempo dovrò vivere con il cancro alla prostata mai avuto problemi con i linfonodi. Le ultime ecografie e mammografie risalgono a febbraio Ho dolori anche alle ossa e ai muscoli; non sono in grado di dire se i dolori provengano dalle ossa o dai muscoli.

Come procedere? Risposta di Anna Barbara Rüegsegger, specialista Sopravvissuti Buongiorno Ricca, Lei ha un periodo difficile alle spalle e il fatto che i dolori alla testa e alla schiena che si sono da poco manifestati La preoccupino è più che comprensibile. Tali dolori possono avere le cause più diverse.

Per un trattamento mirato e, come ci auguriamo, anche efficace, sono necessari accertamenti. Le consiglio di recarsi dal Suo medico di fiducia oncologo o medico di famigliachiedendo che esamini esattamente i Suoi disturbi.

Desidero incoraggiarla ad essere il più possibile insistente a tale proposito. Ritengo importante che Lei, prima della visita medica, prenda qualche appunto, per esempio: dove percepisce dolore? Quando si manifestano i dolori nel corso della giornata, Per quanto tempo dovrò vivere con il cancro alla prostata i momenti di riposo o sotto sforzo? Come percepisce il dolore si tratta, per esempio, di un dolore pungente, pulsante o simile ad una scossa elettrica Che cosa provoca il dolore? Che cosa ha intrapreso finora contro i dolori medicinali, impacchi caldi o freddi o altre misure per alleviare il dolore?

Oltre ai dolori, ha altri problemi di salute? In questo modo sarà preparata al meglio per il colloquio con il Suo medico. Le auguro che gli accertamenti possano avere successo e che Lei possa guarire al più presto.

Tamoxifene per altri 5 anni? Buonasera, nel dicembre sono stata operata per un carcinoma mammario G2 cT1 cNO. Non è stata necessaria una chemioterapia, solo la radioterapia. Successivamente sono stata sottoposta a terapia antiormonale, dapprima con Arimidex, che tuttavia ho dovuto presto interrompere a causa dei dolori articolari straordinariamente forti.

Femara non si è rivelato migliore, per cui il mio medico mi ha prescritto il tamoxifene, che sto ancora assumendo. Inoltre, secondo gli studi più recenti, dovrei prendere il tamoxifene per ulteriori 5 anni, poiché il 50 per cento delle recidive si manifesta dopo il quinto anno!

Grazie e cordiali saluti Risposta di Anna Barbara Rüegsegger, specialista sopravvissuti Buongiorno Ursula, ha gestito molto bene il periodo dopo la diagnosi di cancro. Si comporta in modo molto consapevole e fa tutto il possibile per seguire uno stile di vita sano.

Devo dire che sono impressionata. Le rimane la paura che il carcinoma possa ritornare. Dopo alcune difficoltà iniziali, ha trovato un medicamento più tollerabile. Ora questo lasso di tempo è passato, e il medico Le consiglia di continuare a prendere lo stesso medicinale per altri 5 anni.

Sicuramente si aspettava di smettere. Soprattutto perché ritiene che i forti dolori articolari siano causati dal tamoxifene.

Le raccomandazioni terapeutiche possono cambiare anche molto rapidamente, suscitando insicurezza. Secondo le più recenti linee guida, a molte donne con cancro del seno è raccomandata una terapia endocrina per 10 anni invece che per 5 anni come finora. I risultati degli studi indicano che parte delle pazienti ha un beneficio aggiuntivo se prolunga di ulteriori 5 anni la terapia endocrina.

La decisione di proseguire la terapia dopo i primi 5 anni deve essere presa individualmente sulla base del rischio di recidiva e di eventuali effetti collaterali delle terapie considerate.

Gli studi effettuati finora sulle terapie endocrine prolungate hanno evidenziato che un trattamento di 10 anni con tamoxifene riduce in modo più marcato il rischio di recidiva di cancro del seno rispetto a un trattamento di 5 anni. Trova ulteriori informazioni su questo tema ai seguenti indirizzi: - L'ormonoterapia per il cancro della mammella - Terapia anti-ormonale endocrina Le domande che pone sono importanti: 1.

Se il colloquio con il medico La lasciasse insoddisfatta, Le consiglio di rivolgersi a un altro specialista per un secondo parere. Ha il diritto di sottoporre il Suo caso clinico a un altro medico per sapere cosa ne pensa. Le auguro ogni bene e di ottenere le risposte che desidera. Alimenti ricostituenti? Il mio corpo è provato dalla sofferenza, senza più forze.

Che cosa posso fare a riguardo e quali generi alimentari possono farmi riprendere le forze? Risposta di Anna Barbara Rüegsegger, specialista sopravvissuti Buongiorno Verena, Dal Suo breve messaggio deduco che Lei si trova nel pieno di un ciclo di trattamenti con numerose chemioterapie. Dopo la seconda, non si sente affatto bene.

La Sua domanda verte sugli alimenti ricostituenti. È difficile fornirle dei consigli nutrizionali concreti senza maggiori informazioni sulla Sua malattia. In generale vale la regola secondo la quale anche le persone affette da tumore dovrebbero alimentarsi in modo equilibrato durante tutte le fasi della malattia.

Inoltre, Le consiglio di: mangiare quel che Le piace, consumare piccoli pasti e spuntini, bere a sufficienza, muoversi il più possibile. Per quanto tempo dovrò vivere con il cancro alla prostata, in primo luogo bisogna combattere i disturbi acuti. Le auguro di riprendersi al più presto. Cancro dell'ovaio - Qual è il decorso della malattia? Domanda di Marliese Nel giungo del sono stata operata per un cancro dell'ovaio, con propagazioni anche a intestino, stomaco, diaframma e metastasi nel fegato, stoma tolto in marzo La prima chemioterapia è stata interrotta nel novembre a causa del mio stato critico.

Nel giugnoricaduta e interruzione della terza chemioterapia. Da allora niente più chemioterapia. Nel febbraioperitonite con formazione di metastasi. Questa è la situazione. Le domando, e La prego di darmi una risposta sincera: quale sarà il decorso della malattia? Ho dolori all'addome e allo stomaco, molto forti soprattutto dopo mangiato e anche di notte. Poca acqua nell'addome. Contro i dolori prendo Targin e Oxinorm. Ho una forte sensazione di restringimento all'addome e allo stomaco.

Dipende dal peritoneo? Spesso per l'evacuazione devo fare un clistere. La ringrazio delle informazioni che mi darà riguardo al decorso della malattia e ai dolori che posso aspettarmi. Risposta di Danielle Pfammatter, specialista cure palliative Mi ha chiesto una risposta sincera.

Non posso prevedere quale sarà il decorso della malattia. Tuttavia in base a quanto Lei descrive, credo che Per quanto tempo dovrò vivere con il cancro alla prostata malattia stia avanzando. Trovo importante che Lei si senta presa sul serio con le Sue preoccupazioni e paure.